Come disdire abbonamento l'abbonamento a sky?

Come disdire abbonamento l'abbonamento a sky?

Abbonamento Sky: guida alle procedure di disdetta

Sky è una delle piattaforme televisive e multimediali più apprezzate a livello europeo. Caratterizzata da un’offerta ampia e variegata, la quale spazia dall’informazione telegiornalistica allo sport, passando al cinema, ai canali per la famiglia, ai documentari e all’intrattenimento, la piattaforma in questione mette a disposizione dei propri clienti una lunga lista di canali variabili a seconda dell’abbonamento sottoscritto in fase contrattuale. Tuttavia, può capitare che dopo un certo lasso di tempo, per questioni legate alla perdita di interesse nella visione dei servizi della televisione satellitare o per qualsiasi altro motivo personale, si abbia l’intenzione di avanzare una richiesta di disdetta dall’abbonamento. Già, ma come fare? Quali sono le varie pratiche da sottoscrivere affinché l’abbonamento venga disdetto nella maniera corretta?

Cosa fare in caso di indecisione e incertezza

Prima di passare alla delineazione delle varie procedure necessarie per portare a termine le operazioni di disdetta dall’abbonamento Sky, vale la pena specificare come, qualora si fosse del tutto sicuri di recedere dal contratto stipulato in precedenza con la piattaforma, sia possibile farsi richiamare dal servizio di assistenza apposito per poter studiare una soluzione alternativa al recesso definitivo. Spesso, infatti, è la stessa Sky a proporre nuove modalità di sottoscrizione dell’abbonamento prescelto, così da non perdere l’abbonato. In questo caso è sufficiente rilasciare alla piattaforma le proprie credenziali (nome, cognome, numero di telefono e codice fiscale) compilando il form preimpostato presente all’interno della pagina ufficiale del servizio (https://www.sky.it/assistenza/info-disdetta/sky.html). Ci penserà Sky a richiamare il cliente indeciso sulla chiusura o meno dell’abbonamento.

Le tempistiche della disdetta dall’abbonamento

Veniamo ora alle pratiche relative alla disdetta vera e propria. In primo luogo, recandosi sempre alla pagina citata in precedenza è possibile scoprire quelle che sono le tempistiche relative alla procedura di recesso dall’abbonamento. Le procedure in questione si dividono in due tipologie differenti: la prima riguarda la possibilità di avanzare la disdetta nel momento in cui si va incontro alla scadenza naturale del contratto, almeno 30 giorni prima della data specifica di rinnovo automatico (vale a dire 30 giorni prima rispetto alla data in cui l’abbonamento è stato attivato in precedenza); la seconda, invece, consente al cliente di recedere dall’abbonamento anticipando la scadenza del contratto, con il recesso che risulterà effettivo dopo 30 giorni dalla data di ricezione (da parte di Sky) della disdetta.

Le varie modalità di disdetta

Per quanto riguarda i clienti Sky via satellite, via fibra o clienti Sky Fastweb, la disdetta può essere avanzata nelle tre modalità differenti (riportate alla pagina https://www.sky.it/assistenza/disdetta-abbonamento/index.html?intcmp=infodisdetta_link_clienti_funnel): disdetta online (seguendo la procedura guidata), disdetta tramite raccomandata (scaricando il modulo apposito) e disdetta telefonica (al numero 02 917171).

Per i clienti con abbonamento Sky sul digitale terrestre e con abbonamento TIM Sky, la disdetta può essere avanzata scaricando i moduli specifici (disponibili al link https://www.sky.it/assistenza/info-disdetta/moduli.html?intcmp=infodisdetta-dtt_link_clienti_moduli) da inviare all’azienda con raccomandata e ricevuta di ritorno.

Come disdire abbonamento Mediaset Premium?

Come disdire abbonamento Mediaset Premium?

Disdire abbonamento mediaset premium

Attivare un abbonamento mediaset premium richiede solo pochi minuti, ben diverso è se si vuole disdire l’abbonamento. In questo caso bisogna sapere come fare e i tempi per non incorrere in penali, l’unica cosa certa è che la disdetta va comunicata per iscritto. Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere per disdire l’abbonamento mediaset premium.

Disdetta entro 14 giorni

Dopo aver valutato per qualche giorno il servizio offerto ti sei reso conto che la cosa non fa per te e quindi hai deciso di disdire l’abbonamento. Come fare? In questo caso la legge ti viene in aiuto con il diritto di ripensamento senza pagare penali, l’unica cosa alla quale devi prestare molta attenzione è il tempo. Infatti questo tipo di disdetta va inoltrato **entro 14 giorni solari **dalla sottoscrizione. Quindi compila il modulo e invialo entro il termine oppure registrati sul sito mediaset premium e entra nell’area clienti da dove puoi disdire il contratto online.

Disdetta per scadenza

Se non hai sottoscritto abbonamenti particolari, il contratto ha una durata di 12 mesi. Questi non hanno inizio il giorno in cui hai firmato, ma qualche giorno dopo.** Al termine dei 12 mesi il contratto si rinnova automaticamente a meno che non comunichi la disdetta. Questa dovrà essere fatta almeno 30 giorni prima della scadenza **tramite raccomandata con ricevuta di ritorno indirizzata a: “Mediaset Premium S.p.A.

Casella Postale 101, 20900 Monza (MB)” specificando il termine disdetta nella comunicazione.

Disdetta anticipata

Se hai deciso di recedere molto prima della scadenza del contratto, nessun problema, le condizioni d’abbonamento lo prevedono. Devi sempre farlo per iscritto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno da inviare a : “Mediaset Premium S.p.A. Casella Postale 101, 20900 Monza (MB)” compilando il modulo di disdetta immediata e riportando chiaramente il termine disdetta. In questo caso è possibile disdire anche online andando sul sito nell’area clienti, entrando con i tuoi dati personali e proseguendo alla disdetta anticipata. In questo caso però la disdetta non è gratuita e dovrai pagare a mediaset premium gli importi dovuti specificati nel contratto in caso di disdetta anticipata.

Disdetta per modifica condizioni

Se si verificano delle modifiche al contratto, mediaset premium è obbligata a informarti almeno 30 giorni prima. Se durante questo periodo decidi di disdire puoi farlo senza penali di alcun tipo e neanche costi aggiuntivi. L’importante è farlo entro i 30 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte di mediaset premium. Trascorso questo tempo le nuove condizioni risulteranno accettate. Compila il modulo di disdetta per modifiche unilaterali del contratto e invialo sempre a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno a: “Mediaset Premium S.p.A. Casella Postale 101, 20900 Monza (MB)”.

Disdetta per decesso intestatario

Se l’intestatario del contratto viene improvvisamente a mancare, l’erede può effettuare la disdetta. Ti basterà compilare il modulo di disdetta per decesso, indicando i dati del intestatario e quelli dell’erede. Ricordati di allegare copia di un documento di entrambi più il certificato di morte, l’indirizzo e le modalità sono sempre le stesse.

Disdetta online

Se preferisci fare tutto comodamente dal tuo pc è sufficiente andare sul sito mediasetpremium e registrarti nell’area clienti, dopo potrai disdire comodamente da li oppure contattare il call center.

Come disdire abbonamento Altroconsumo?

Come disdire abbonamento Altroconsumo?

Come disdire abbonamento altroconsumo

Vediamo procedere qualora si voglia dare la disdetta al servizio di Altroconsumo evitando di andare incontro a una serie di complicanze che potrebbero essere poco piacevoli da dover fronteggiare e che rendono tale procedura maggiormente complessa da svolgere.

Come disdire tramite raccomandata

Il primo metodo che si può sfruttare per dare la disdetta al servizio di Altroconsumo consiste semplicemente nello scaricare la lettera per informare l’ente la propria volontà di disdire appunto il suddetto abbonamento, la quale potrà essere trovata a questo indirizzo http://disdette.net/download/fac-simile-disdetta-altroconsumo.

Una volta che la documentazione viene compilata, sarà necessario allegare anche una copia del proprio documento d’identità e procedere con l’invio mediante raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Altroconsumo Ufficio Abbonamenti, via Valassina 22 20159 Milano: in questo modo si avrà la sicurezza che la suddetta domanda è stata ricevuta da parte dello stesso ente.

Il metodo tramite fax

Qualora invece si possiede un fax in casa propria e si vogliano risparmiare quei soldi per la spedizione, si potrà inoltrare la medesima domanda compilata al numero 02.66.89.02.88.

Per avere la sicurezza che la disdetta sia stata data correttamente, è meglio utilizzare anche la raccomandata, in maniera tale che si prevengano eventuali problematiche come mancato ricevimento.

Anche tramite fax è necessario inviare una copia del proprio documento d’identità al numero di fax, in maniera tale che la domanda possa essere definita come completa e priva di ogni genere di imprecisione.

La disdetta mediante numero telefonico

Terzo metodo per dare la disdetta ad Altroconsumo è quello relativo al contatto telefonico.

In questo caso occorre digitare il numero 02.69.61.520, il quale è attivo tutta la settimana tranne il sabato e la domenica, dalle ore 9 fino alle 13 e dalle 14 alle 17.

Durante la conversazione bisogna riferire il proprio** codice di abbonato** e confermare la propria volontà di terminare il rapporto con Altroconsumo.

Pure per quanto riguarda l’utilizzo di questo metodo è bene accompagnarlo con uno delle altre due soluzioni, affinché sia possibile ottenere il massimo risultato possibile senza alcun genere di complicanza.

Costi e altri aspetti della disdetta ad Altroconsumo

Ora ci si potrebbe domandare se questo genere di soluzione sia caratterizzata da costi o comunque da tempistiche di preavviso che devono essere rispettate per non incorrere in penali oppure lassi di tempo che devono essere necessariamente onorati prima di dare la disdetta.

Ebbene in tutti i casi è importante sottolineare come questa procedura sia priva di costi che devono essere sostenuti, se non quelli relativi allo strumento che si utilizza per dare la disdetta e lo stesso vale per quanto riguarda le tempistiche.

Altroconsumo è un servizio che potrà essere disdetto in ogni momento, anche il giorno dopo aver deciso di sottoscrivere l’abbonamento.

Pertanto non sorgeranno complicanze di svariato tipo, visto che non devono essere rispettati vincoli particolari che possono creare delle situazioni complesse da affrontare.

Ecco quindi come dovete procedere per porre fine al vostro abbonamento con Altroconsumo, in maniera rapida e semplice.

Come disdire abbonamento DAZN?

Come disdire abbonamento DAZN?

Come disdire abbonamento DAZN

Negli ultimi 12 mesi l’offerta di contenuti multimediali e televisivi da parte delle piattaforme digitali moderne è cambiata enormemente. In Italia, nella fattispecie, il carnet è stato arricchito dalla presenza di DAZN, servizio di trasmissione di contenuti sportivi in streaming. Per via di quest’ultima particolarità, la sottoscrizione dell’abbonamento a DAZN non comporta né l’acquisto né il noleggio di un qualsiasi decoder satellitare; i contenuti trasmessi dalla compagnia britannica, infatti, sono visibili sulla stragrande maggioranza dei dispositivi digitali odierni, dagli smartphone ai tablet, passando per i notebook e i PC fissi, senza dunque dover ricorrere all’acquisto di un dispositivo per la ricezione di un eventuale segnale satellitare. Tuttavia, è possibile che dopo la sottoscrizione dell’abbonamento vi sia il desiderio, a distanza di giorni o mesi, di recedere dal contratto. Come muoversi in questi frangenti?

Le tempistiche di disdetta o rinnovo dell’abbonamento DAZN

A differenza di Sky, piattaforma satellitare che presenta tempistiche di disdetta prefissate, l’abbonamento di DAZN può essere interrotto in qualsiasi momento. Dopotutto, si tratta pur sempre di un “contratto” sottoscritto online, basato fondamentalmente sul pagamento in modalità elettronica del corrispettivo in denaro (un po’ come acquistare un prodotto all’interno di un e-commerce: si mette tutto nel carrello e si procede con il pagamento attraverso carta di credito, di debito, prepagata, conti elettronici come PayPal o XPay, bonifici online e via discorrendo). Inoltre, un altro elemento di distinzione tra DAZN e Sky riguarda le modalità attraverso le quali è possibile riattivare l’account utilizzato per registrarsi al servizio e, di conseguenza, poter rinnovare l’abbonamento. Così come si può disdire da DAZN in qualsiasi momento, allo stesso modo è possibile procedere con l’applicazione del rinnovo contrattuale in qualsiasi frangente.

Le procedure per avanzare la disdetta dall’abbonamento

Entriamo nell’ottica della disdetta dell’abbonamento. In primo luogo, l’utente che desidera recedere dal vincolo contrattuale intrattenuto con DAZN non deve fare altro che recarsi alla pagina ufficiale del servizio (https://watch.dazn.com/en-IT/sports/).

Da qui sarà necessario effettuare il login per entrare all’interno del proprio account personale, dopodiché, una volta fatto l’accesso al profilo, bisognerà recarsi nelle impostazioni dello stesso.

Le impostazioni sono accessibili dal pulsante denominato “Il Mio Account”, collocato lungo il menù in alto a destra nella finestra di navigazione della pagina. Da qui si apriranno tutta una serie di opzioni legate alla gestione del profilo DAZN, compresa la dicitura “Disdici Abbonamento”.

Per annullare l’abbonamento in corso è sufficiente cliccare sulla dicitura in questione.

Ma non è tutto. Nel caso in cui la disdetta venisse richiesta anche durante l’offerta relativa alla prova gratuita di DAZN andrà confermata la scelta di terminare la visione del servizio; al contrario, qualora l’abbonamento fosse già in corso di validità l’utente sarà tenuto a cliccare sulla voce riportante l’opzione “Voglio comunque cancellare”.

Infine, prima di concludere definitivamente le operazioni, il portale di DAZN chiederà all’utente le motivazioni relative alla scelta di terminare l’abbonamento.

Fatto ciò, cliccando su “Conferma disdetta” sarà possibile chiudere la procedura.

Tinder Gold funziona? Opinioni!

Tinder Gold funziona? Opinioni!

Tinder Gold come funziona

Tinder Gold è un upgrade a pagamento rispetto alla versione grauita di Tinder che offre funzioni aggiuntive: scopriamo come funziona e se ne vale davvero la pena.

Read More

Silicone modellabile: cosa è e dove si compra?

Silicone modellabile: cosa è e dove si compra?

Silicone modellabile: cos’è

Altro non è che una pasta adesiva modellabile. Ricordate quando all’asilo vi facevano giocare con la plastilina per sviluppare il vostro estro creativo? Ecco, il principio è praticamente lo stesso.

Avete tra le mani una gomma modellabile tuttofare; unica differenza rispetto alla plastilina è che una volta data la forma desiderata, il silicone modellabile solidificherà definitivamente, restando tutt’uno con il corpo al quale l’avete unito.

Quando e come usarlo

Ebbene si, oltre ad essere pratico, il silicone modellabile risulta perfino piacevole e rilassante al tatto. Ma è davvero uno strumento efficace ed affidabile? Su quali oggetti si può applicare?
La pasta adesiva modellabile è adatta per una gran varietà di materiali, come ad esempio vetro, legno, plastiche (non oleose), ceramica e metalli.

Grazie alla sua adattabilità, flessibilità e durevolezza si può usare per riparare, legare, incollare, creare, fissare e sigillare un’infinità di oggetti di uso quotidiano.

Ora che sapete dell’esistenza di questo innovativo prodotto, magari vi sarà venuta voglia di sapere quali sono le marche tra cui poter scegliere e anche dove poter comprare la vostra pasta modellabile. Ebbene, entriamo nel merito.

Pasta modellabile Sugru: caratteristiche

La colla Sugru è la pasta modellabile a base di silicone adatta ad attaccare qualsiasi materiale a un altro materiale; facile da usare, solidifica semplicemente lasciandola esposta all’aria in circa 24 ore e una volta solida, mantiene la sua flessibilità risultando perfetta per riparare cavi di connessione di smartphone e tablet in quanto è in grado di isolare elettricamente se applicata a voltaggi non molto alti.

È un materiale molto confortevole al tatto e non scivoloso, il che lo rende ideale anche per riparare o rivestire qualunque tipo di impugnatura.

Tra le caratteristiche della pasta Sugru è degna di nota la durevolezza: una volta asciugata avrà un aspetto molto simile alla gomma essendo appunto a base di silicone e resterà fissata saldamente all’oggetto su cui l’avrete applicata, è inoltre resistente ai raggi UV; per assicurarne la durata può essere conservata in frigorifero; prestate particolare attenzione alla data di scadenza impressa su ogni singola confezione e usatela prima che scada se volete evitare un risultato poco apprezzabile.

Per il resto l’unico limite è la fantasia!

Utilizzi di Sugru

Sugru: dove si compra?

Potete acquistare la colla Sugru su Amazon cliccando al seguente link: Sugru da 8 colori La confezione da 59 g comprende otto singoli pezzi monouso che potrete scegliere tra varie colorazioni.

Ne esistono chiaramente altre confezioni, a seconda delle vostre necessità, seguendo questo link potete consultare tutto il catalogo!

Loctite Kintsuglue

Questo prodotto, affine per caratteristiche al precedente, merita che apriamo una parentesi su un interessante dettaglio legato all’etimologia del nome (molto complesso per l’Italia).

Nella cultura occidentale è comune pensare che quando un oggetto si rompe finisce il suo ciclo di vita, “è andato”, non si può recuperare e non c’è motivo per farlo.

I giapponesi non la penserebbero così. Per loro, riparare non è una necessità, né tanto meno una perdita di tempo…è un’arte che risponde al nome di kintsugi! Quest’antica tecnica consiste nel riparare le ceramiche rotte con oro o argento, perché la storia di un vaso non finisce nel momento in cui si frantuma, bensì la rottura è parte della storia dell’oggetto, qualcosa che aumenta il suo valore. Affascinante filosofia.

Con questo in mente parliamo della colla modellabile della Loctite: Kintsuglue. Kintsu…appunto, perché i giapponesi vogliono trasmetterci la stessa filosofia, se un oggetto si rompe non si butta, si ripara.

La pasta modellabile della Loctite nasce precisamente con quest’obiettivo: riparare tutto ciò che è rotto o danneggiato; le sue proprietà specifiche la rendono specialmente adatta a questa funzione grazie ad un’alta flessibilità, forza, resistenza all’acqua e temperature estreme, malleabilità e la possibilità di dare il proprio tocco personale, verniciandola del colore che si desidera.

Da cavi usb a portachiavi, da auricolari a zip, da manici di secchio agli angoli dello smartphone, la Loctite Kintsuglue è la scelta ideale per riparare e/o proteggere gli oggetti che usate quotidianamente con maggior frequenza.

Come usarla? —————–

Prima di aprire la confezione, lavatevi le mani e assicuratevi che la superficie dell’oggetto sul quale applicherete la colla modellabile sia pulita; una volta aperta, iniziate subito a modellare la pasta e applicatela sull’oggetto in questione. Avrete a disposizione 30 minuti per lavorare sulla forma desiderata, dopodiché inizierà il processo di solidificazione che si completerà nel giro di 24 ore. Per un risultato ottimale, potete lasciare solidificare la vostra pasta modellabile per tutta la notte.

esempio kintsuglue

Dove comprare Loctite Kintsuglue?

È possibile comprare il prodotto su Amazon, cliccando il seguente link: Kintsuglue 3 bustine.

In base alle statistiche del colosso e-commerce americano, la pasta modellabile della Loctite è il prodotto più venduto della sua categoria. Una confezione contiene 3 bustine monouso da 5g ciascuna.

Anche in questo caso l’offerta di Loctite non si ferma ad un prodotto, per cui vi invito a visionare l’intero catalogo (a questo link) per trovare il prodotto adatto alla vostra esigenza.

Insomma, il silicone modellabile soddisfa tutte queste esigenze sia che siate appassionati di bricolage, abbiate bisogno di riparare un oggetto danneggiato o semplicemente avete voglia di mettere alla prova la vostra creatività tornando un po’ bambini.

Blatte rosse in casa: come eliminarle?

Blatte rosse in casa: come eliminarle?

Sembra assurdo ma una delle domande più ricercate sul motore di ricerca Google è: “da dove vengono le blatte?”, questo perché tali fastidiosi insetti spesso infestano gli ambienti domestici e la loro eliminazione definitiva il più delle volte risulta insidiosa.

Cosa sono le blatte?

Le blatte vengono comunemente indicate con il nome di scarafaggi; quello che spesso non si sa è che non esiste una sola famiglia di questi fastidiosi insetti, che, infatti, si suddividono in:

  • blatte germaniche, dette anche blatte rosse;
  • blatte orientali, di colore scuro, sono i veri e propri scarafaggi;
  • blatte dei mobili.

Le blatte germaniche sono spesso le protagoniste delle infestazioni domestiche, ma anche le altre due specie sono solite infiltrarsi nelle varie zone della casa.

Ma perché le blatte sono così temute? Di fatto sono molteplici gli insetti che condividono gli spazi umani, ma quando si parla di blatte subito si tenta di acquistare il più valido insetticida per provvedere alla loro eliminazione. Questo perché oltre ad essere fastidiose e sgradevoli alla vista, le blatte rappresentano un pericolo anche da un punto di vista igienico-sanitario.

Si tratta, infatti, di veri e proprio veicoli di microrganismi patogeni per l’uomo nonché di importanti contaminanti delle derrate alimentari: quando si infiltrano nelle dispense, le blatte possono danneggiare il cibo con gli escrementi, la saliva o la muta.

Perché le blatte infestano le abitazioni?

Per eradicare il problema in maniera definitiva è importante comprendere perché questi fastidiosi insetti si ritrovano negli ambienti domestici. La prima cosa da precisare è che la ragione per cui questi insetti infestano le abitazioni risiede nella loro continua ricerca di nutrimento, perciò qualora vi fosse il dubbio di un’infestazione per prima cosa è bene eliminare laddove possibile queste fonti di cibo.

In genere le blatte rosse o orientali prediligono gli ambienti umidi, perciò non è raro ritrovarle prettamente nelle cucine o nei bagni, anche se la blatta orientale e la blatta dei mobili tendono ad infiltrarsi anche nelle soffitte e nei seminterrati. La principale fonte di nutrimento è rappresentata proprio dalla sporcizia derivante dall’incuria di alcuni edifici, quindi va da sè che il mantenimento di un ambiente pulito rappresenta il primo elemento di prevenzione che potrebbe essere adottato. Inoltre, in genere le blatte sono lucifughe, tendono cioè a fuggire dalla luce: questo fa sì che durante la notte camminano indisturbate per tutta casa, invece durante il giorno si rifugiano negli angoli più nascosti, aspetto che rende ancor più difficile scovarle.

Le blatte in casa da dove arrivano?

Una delle principali vie di accesso è rappresentata dagli scatoloni o dalle casse, soprattutto se contenenti prodotti di origine alimentare quali uova, pasta o altri alimenti freschi. A rischio sono anche gli imballaggi o gli involucri per il trasferimento di materiali, specialmente se posizionati in cantina, ambiente in cui spesso proliferano rapidamente questi insetti. Non a caso oltre alle blatte vere e proprie, l’infestazione si può diffondere anche a causa della presenza delle loro ooteche, ossia delle uova di blatte, ancor più difficili da scovare.
Pericolose sono anche le crepe dei muri che connettono gli ambienti esterni con quelli interni, oppure i passaggi di cavi elettrici non opportunamente isolati.
La blatta orientalis, infine, è quella più presente nelle reti fognarie per cui riesce facilmente ad accedere in ambito domestico mediante gli scarichi.
Ciò che poi è noto a tutti e che è stato già precisato è che la sporcizia costituisce un discriminante essenziale per la proliferazione delle blatte.

Prevenzione: come e perché?

Quando si parla di blatte è fondamentale sottolineare l’importanza della prevenzione. La disinfestazione che viene fatta da squadre specializzate è sicuramente efficace, ma può non essere risolutiva per cui è importante per prima cosa prevenire l’infestazione attraverso delle semplici accortezze.

È bene comprendere i periodi di maggior rischio che sono coincidenti con i cambi di stagione, prettamente nella stagione primaverile e nel momento in cui si riniziano ad accendere i riscaldamenti.

Il primo step è proprio quello di provvedere ad una pulizia completa di tutti gli ambienti in questi periodi; ciò scongiura la presenza di residui di cibo che potrebbero essere una vera e propria calamita per questi parassiti fastidiosi. In particolare sembra abbastanza efficace l’utilizzo di aceto, che grazie al suo pH acido andrebbe a ledere alcune delle strutture portanti della blatta impedendone la sopravvivenza. Altre accortezze consistono nella completa rimozione del battiscopa e nella sua pulizia profonda, oltre che nell’eliminazione di tutte le briciole (soprattutto quelle per terra) e nella conservazione degli alimenti in contenitori ermetici che impediscano l’avvicinarsi di questi insetti.

Come eliminare definitivamente le blatte?

È stata appurata l’importanza della prevenzione, ma nel momento in cui le blatte iniziano a divenire un problema reale cosa si può fare per garantire una loro completa e definitiva eliminazione? La soluzione sembra essere un prodotto di casa Bayer (una delle industrie chimico farmaceutiche più importanti al mondo), che prende il nome di Solfac Gel Scarafaggi. Si tratta di una vera e propria esca altamente attrattiva per gli scarafaggi, che può essere applicata con estrema facilità e sicurezza in tutti gli ambienti della casa. La confezione si presenta come una grande siringa in plastica, che attraverso una leggera pressione dello stantuffo consente il rilascio del prodotto senza grande sforzo. Si consiglia di depositare delle goccioline di circa 5 mm di diametro negli ambienti più angusti dove è probabile che le blatte abbiano la loro tana, quindi in fessure, angoli nascosti o dietro i mobili. Si devono posizionare circa 1/2 gocce per metro quadro se l’infestazione è leggera, al contrario se ci si trova di fronte ad una situazione particolarmente avanzata si suggerisce di posizionare almeno 3 gocce per metro quadro. (un intero botticino dovrebbe essere sufficiente per disinfestare circa 200 metri quadri)

Solfac Gel Contro gli Scarafaggi
Solfac Gel perfetto contro gli Scarafaggi!

Le gocce sono trasparenti, per cui non sono visibili e non vanno ad alterare gli ambienti come potrebbe accadere per le polveri, in aggiunta non contamina l’aria per cui si può soggiornare nei locali anche durante il trattamento, procedendo nelle più comuni mansioni quotidiane senza danni ne per persone ne per animali.

Oltre che per gli ambienti interni, Solfac Gel è ottimo anche per il trattamento di spazi esterni, tanto che è il prodotto più utilizzato per trattare la contaminazione di blatte anche negli spazi destinati al pubblico, quali i parchi per i bambini.

La differenza rispetto ad altri insetticidi consiste nel fatto che questo non uccide immediatamente l’insetto, ma agisce lentamente, quando la blatta si è già recata nella sua tana e trasferisce l’azione insetticida anche alle altre blatte, con una propagazione della disinfezione efficace.

Domande frequenti

blatte in cucina da dove arrivano?

La cucina è uno dei luoghi, insieme al bagno, che maggiormente vengono presi di mira dalle blatte che cercano acqua e cibo. Il loro habitat naturale è fatto di umidità, calore e di luoghi poco illuminati. All’interno di una cucina arrivano tramite gli scarichi oppure attraverso fessure e interstizi nel muro.

Come capire se ci sono scarafaggi in casa

Partiamo dal dire che se si trova in casa uno scarafaggio, vivo o morto che sia, questo dovrebbe già far suonare il campanellino d’allarme perché è uno dei segni più evidenti della loro presenza all’interno dell’abitazione. Se vogliamo però averne la conferma basta prestare particolare attenzione ad alcuni posti considerati a rischio, ossia luoghi in cui questi antipatici animali tendono ad annidarsi come l’interno dei motori di elettrodomestici, crepe nella parete, dietro la carta da parati, vicino agli impianti di riscaldamento. Insomma, tutti ambienti caldo-umidi, o al massimo freschi, e soprattutto bui.

Ultrasuoni per scarafaggi: funzionano ?

Gli ultrasuoni producono delle particolari frequenze del tutto impercettibili all’orecchio dell’uomo ma estremamente fastidiosi per gli scarafaggi. Funzionano come repellente e offrono un valido aiuto nella lotta contro questi particolari insetti ma non possono, di certo, fare miracoli. Per farli funzionare nel modo migliore è opportuno quindi combinare il loro utilizzo con quello di altri strumenti, come per esempio un gel anti scarafaggi che prende il nome di Solfac Gel Scarafaggi.

Come eliminare gli scarafaggi dagli scarichi

A prescindere dal fatto che la prevenzione è la miglior cura, se è ormai troppo tardi e occorre correre ai ripari, l’alloro e il caffè, di cui gli scarafaggi odiano l’odore tenendoli a distanza, e il bicarbonato di sodio e zucchero, sono rimedi naturali per eliminare questi sgradevoli e pericolosi insetti, oltre naturalmente a prodotti specifici, come il Gel anti scarafaggi sopra menzionato.

blatte in bagno da dove escono?

Le blatte si possono trovare in molti ambienti della casa, ma soprattutto in bagno. Come mai? Questo insetto molto fastidioso vive nelle tubature e proprio da queste risale per passare attraverso il wc e tutti i fori collegati alle tubazioni di scarico delle acque scure. Esse inoltre amano l’umidità quindi si trovano in prossimità del lavandino, della vasca da bagno e del bidet.

quanto vive una blatta orientalis ?

La blatta orientalis, dal caratteristico colore nero, vive in ambienti freschi. Gli adulti possono vivere fino a circa 10-15 mesi, a seconda del clima e delle disponibilità di cibo, ma ciò che fa più infestazione sono le blatte donne che possono produrre fino a 150 uova in vita che maturano nell’arco di 40-50 giorni.